Natural disasters and weird facts
Menu

Pin It

25/06/2019 - 

Era una tranquilla mattina d’estate sul fiume Tunguska in Siberia il 30 giugno del 1908 fin quando un’enorme meteora è esplosa con l’energia di una grande arma termonucleare, incenerendo e radendo al suolo migliaia di chilometri quadrati di foresta. Senza dubbio non un evento che si verifica con frequenza, ma la fine di giugno 2019 potrebbe riservare alcune sorprese al riguardo.

È successo molto tempo fa su uno dei posti più scarsamente popolati della Terra, ma se un evento simile si verificasse al giorno d’oggi su un’area popolata o una grande città, la storia sarebbe completamente diversa. I danni e il bilancio delle vittime sarebbe molto più alto di quello delle bombe nucleari sganciate su Hiroshima e Nagasaki. Fortunatamente, questo tipo di eventi è raro, ma in questi ultimi giorni di giugno le probabilità di impatti sono più alte, al punto che gli astronomi stanno in guardia per l’eventuale arrivo di rocce spaziali. Il motivo è da ricercare nello sciame meteorico delle Tauridi.

Si tratta di uno sciame meteorico abbastanza tipico che la Terra incontra ogni anno e che produce un moderato sciame meteorico a novembre. Le incontriamo anche a giugno, quando prendono il nome di sciame meteorico diurno delle Beta Tauridi. E poi c’è la parte meno tipica: lo sciame risonante delle Tauridi. Si tratta di una nube di meteoroidi(rocce spaziali) più grandi della media delle Tauridi, guidati nelle loro orbite da Giove. Per ogni 7 orbite del sole che compiono le rocce, Giove ne compie 2 e per questo viene chiamata risonanza orbitale 7:2. Questa danza orbitale tiene le grandi rocce in una nube relativamente compatta che incontriamo di tanto in tanto. Proprio come accadrà in questa parte finale di giugno.

Perché lo sciame delle Tauridi è così importante?

Perché al suo interno ci sono grandi rocce spaziali. Nel 1975, abbiamo incontrato lo sciame a giugno. Durante il periodo dell’incontro, i sismografi sulla luna lasciati dagli astronauti delle missioni Apollo hanno rilevato una grande attività sismica, molto probabilmente causata da grandi meteoroidi delle Tauridi che impattavano sulla superficie lunare. L’ultimo grande incontro con lo sciame delle Tauridi è stato nel 2015. Negli ultimi giorni di ottobre e nelle prime due settimane di novembre, in tutto il mondo sono state osservate luminose palle di fuoco delle Tauridi, molte delle quali hanno illuminato il cielo notturno più della luna stessa!

Nello sciame del 2015 ci sono state alcune grandi rocce, ma anche un costante flusso di brillanti meteore. Infatti, l’European Fireball Network ha catturato quasi 200 palle di fuoco e la più grande è stata prodotta da un meteoroide di circa 1 metro di diametro. Un altro ancora più grande, circa 3-4 metri di diametro, si è disintegrato sul Pacifico. Ma le grandi rocce delle Tauridi non finiscono qui. Diverse rocce più grande sono state trovate nello sciame: gli oggetti 2015 TX24 e 2005 UR sono ampi entrambi diverse centinaia di metri. Questi asteroidi sono estremamente difficili da rilevare: sono scuri e possono essere individuati solo quando sono molto vicini alla Terra.

Le rocce di queste dimensioni sono una seria minaccia. La devastante esplosione di Tunguska è stata causata da un asteroide con diametro di circa 50 metri, quindi molto più piccolo di 2015 TX24 e 2005 UR. Un’esplosione come quella di Tunguska sopra un’area urbana sarebbe incredibilmente devastante, ma un asteroide ampio diverse centinaia di metri farebbe molto peggio. L’energia dell’esplosione sarebbe nel range di centinaia di migliaia di megatoni di TNT. A differenze dell’esplosione di Tunguska, penetrerebbero quasi certamente nell’atmosfera terrestre e colpirebbero il suolo. Un asteroide di 300 metri di diametro esploderebbe con un’energia 20 volte superiore rispetto alla più grande arma nucleare mai detonata. Produrrebbe un cratere di circa 5km di diametro e causerebbe una devastazione a livello regionale. Probabilmente solleverebbe anche abbastanza aerosol da avere un effetto sul clima a breve termine.

Per fortuna, i grandi impatti sono estremamente rari con secoli e millenni che intercorrono tra grandi eventi. Conoscere lo sciame risonante delle Tauridi e cercare gli oggetti più grandi al suo interno sono la cosa migliore che possiamo fare per mantenerci al sicuro. Ecco perché quest’anno gli astronomi si concentreranno sulla ricerca di questi oggetti. Se una grande roccia diretta verso la Terra viene rilevata in anticipo, ci sono modi per farle cambiare traiettoria: dal farla esplodere fino all’utilizzo di un piccolo razzo per deviarla.

Nel frattempo, è meglio ricordare che per ogni asteroide killer all’interno delle Tauridi ci sono milioni di “sassolini” pronti a produrre un bellissimo spettacolo di fuochi d’artificio nelle prossime due settimane.